Publicado en AMOR, Comunicación, CONFIANZA, CORAZÓN, ESPERANZA, EVANGELIO, POEMAS, PSICOLOGIA, SOLEDAD, TERNURA, TRISTEZA, VIDA

COME UN GIRASOLE!!


girasol.jpg
Il fiore che preferisco è il girasole. Mi piace la fiamma gialla dei suoi petali dove si condensa la luce; sembrano i raggi di un ostensorio attorno allo scrigno, al tabernacolo dei cento semi. Mi piace l’arroganza dello stelo diritto e robusto, la danza immobile della sua corolla, il peso del frutto che ne fa reclinare il capo sul seno della terra. 
Credo che tutto preghi nell’universo, tutto proteso verso Dio: “Il giorno al giorno annuncia il messaggio di Dio, la notte alla notte. Gli alberi della foresta ne modulano il canto” (Sal 19).
Ma tra tutte le creature, l’immagine più bella della preghiera è proprio il girasole: pregare è lasciarsi irradiare dal sole che è Dio; radicarsi con salde radici nella terra e poi muovere verso il cielo. La preghiera non consiste nel dire preghiere, ma è tendere, con tutto me stesso, verso l’Oltre, verso l’Alto, spesso senza parole, come una pianta che ha sete. Questo accade quando entro in chiesa, sono alla presenza di Dio, e non mi viene nulla da dirgli, nulla esce dal centro arido del cuore. Finisco per dedicargli il silenzio. Eppure qualcosa di me prega: prega il mio corpo, prega il mio tempo, ne faccio un piccolo tappeto di minuti, una passatoia di istanti senza parole che stendo davanti ai passi del Signore che viene sempre in me.
Guardo il girasole e capisco che non contano le parole, tanto il Signore le conosce tutte prima che salgano alle labbra. Conta il fatto che per un tempo io sto in faccia al mio sole, senza mettere nulla prima di Dio, senza anteporgli nessuno dei miei mille affari. Girasole della preghiera passiva, che non fa nulla se non esporsi alla luce, bere il blu del cielo e l’oro del sole, lasciarsi amare. La forza non è in noi, la forza è nel sole, basta lasciarsi irradiare, esporsi. Davanti al Crocifisso non si va per guardare il Crocifisso ma per lasciarsi guardare da quel corpo dove l’amore ha scritto il suo racconto con l’alfabeto delle ferite, indelebili come l’amore.
Girasole del desiderio attivo. Pregare è diventare cercatore di sole, mendicante di cielo. Lo seguo affascinato da qualcosa che Lui solo ha e nessun altro sa dare. E poi viene la notte, quando il girasole abbassa la testa, in una sorte di piccola morte quotidiana, quando al tramonto diventa, da specchio di cielo, specchio d’ombra. E il peso della terra è più forte del peso della luce.
Così accade per noi, quando l’attrazione delle cose della terra conta più della seduzione del cielo. Ma poi ecco la piccola risurrezione quotidiana,quando il sole ritorna. Così mi sento quando prego: un girasole che come bussola e come risurrezione ha la quotidiana seduzione del cielo. Un uomo che ha strade nel sole. Un nomade cosmico, pellegrino dei cieli, piccolo cielo in cui spazia il Signore.
 Padre Ermes Ronchi
Anuncios

Autor:

Mi nombre es Maria Dilma. Con este Blog, quiero compartir mis experiencias. Me sirvo de LA PALABRA escrita, por medio de frases cortas y bien pensadas, que surgen del sentimiento más profundo de mi ser. Cada pensamiento será producto del momento y las circunstancias en las que se dan. Soy consciente de que todo mensaje responderá a quién y desde dónde se diga, y esto puede dañar, ensalzar, difamar, informar o desinformar a las personas. Sin embargo, quiero que junt@s "nos conozcamos a nosotros mismos, seamos lo que debemos ser". Aquí encontrarás temas Espirituales en la vida cotidiana y, sobre todo, temas psicológicos. Espero que sea de tu agrado y que Dios -PALABRA VIVIENTE- me ayude a llegar a ti por medio de mis reflexiones y a no perder de vista el fin propuesto. Seas BIENVENIDO/A.